Senza categoria

Anche la NASA continua a spiare le grandi “onde interne” dello Stretto di Messina

The Weather

Oltre alle forti correnti di marea e di salinità lo Stretto di Messina è sede di un altro importante fenomeno idrodinamico, quello delle “onde interne”. Simili a quelle che si possono formare lungo le foci dei più grandi fiumi della Terra (come il Rio degli Amazzoni) col cambio di marea. Le “onde interne” si creano quando uno strato d’acqua meno denso ricopre uno strato d’acqua più denso. In tal caso la superficie di discontinuità tra i due strati può divenire sede di “onde interne” molto lente ed ampie. Se tali onde hanno un carattere stazionario allora verranno definite “sesse interne”. A differenza delle normali onde prodotte dal vento la velocità di propagazione delle “onde interne” cresce notevolmente con la differenza di densità dei due strati sovrapposti. Sullo Stretto di Messina queste ondate si innescano ogni qual volta che le acque pesanti del mar Ionio si riversano di colpo…

View original post 683 altre parole

Annunci

Categorie:Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.